Salsa dolce di cipolle rosse

di oggisalute | 11 gennaio 2016 | pubblicato in Ricette della salute
cipolle rosse

Ingredienti:

•    500 g di cipolle rosse

•    200 g di zucchero integrale di canna

•    1 arancia rossa

Come si prepara?

Affettate finemente le cipolle e fatele stufare in una casseruola antiaderente con 3 cucchiai d’acqua per circa 10 minuti. Aggiungete lo zucchero integrale di canna e cuocete per altri 20 minuti. Spremete l’arancia e aggiungete il succo alle cipolle in cottura. Non gettate via la buccia del frutto!

Cuocete ancora per 20 minuti. Nel frattempo grattugiate un po’ di scorza di buccia dell’arancia e unitela alle cipolle.

La salsa dovrebbe essere pronta. Se la consistenza non è ancora di vostro gradimento, proseguite la cottura a fiamma dolcissima, facendo attenzione che non si bruci e non prenda sapore amaro.

Perchè fa bene?

La cipolla, come la mela, contiene quercetina, molecola utilissima per prevenire il cancro al colon e tenere a bada i livelli di glucosio del sangue (la glicemia).

Mi rendo conto che sembra assurdo parlare di glicemia e proporvi una salsa dolce alle cipolle, ma ricordate che l’importante è fare attenzione alla quantità e alla qualità dei dolci che mangiate! Per renderla leggermente agrodolce, al momento della cottura si aggiunge il succo di una o due arance. Passiamo all’aspetto nutrizionale e salutare associato a questo ortaggio, a cominciare dal suo principio attivo piu` presente, il disolfuro di allilpropile, una parola tanto difficile (che sicuramente mai pronunceremo facendo la spesa, ma e` degna di essere nominata in questo capitolo), ovvero un glucoside solforato; le sostanze solforate presenti nella cipolla, tra le quali esso spicca, hanno la capacita`di abbassare i livelli di trigliceridi e di colesterolo oltre a combattere l’aggregazione piastrinica. Il sangue sara` cosı` piu` fluido aiutando a prevenire trombi o coaguli e altre malattie cardiovascolari. La cipolla contiene anche enzimi, cioe` fermenti in abbondanza che stimolano la digestione e il metabolismo. E non finisce qui: troviamo anche oligoelementi quali zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo, le vitamine A e il complesso B, C, E; flavonoidi dall’azione diuretica come la quercetina e, infine, la glucochinina,un ormone vegetale dall’azione antidiabetica molto studiato dai ricercatori e dagli effetti oramai conclamati. In poche parole, una fonte di benessere.

Questa ricetta, pubblicata sul sito internet della Fondazione Veronesi, è tratta dai libri “I Magnifici 20” e “Le ricette dei Magnifici 20” di Marco Bianchi, editi da Ponte alle Grazie (collana Il lettore goloso di Allan Bay). 


Lascia un commento


7 + otto =