Pubblicato uno studio

Ginnastica facciale promossa
dagli scienziati: viso più giovane

di oggisalute | 8 gennaio 2018 | pubblicato in Attualità
ginnasticafacciale

Un programma di esercizi facciali di 30 minuti al giorno e poi a giorni alterni seguito per 20 settimane migliora davvero l’aspetto del viso delle donne di mezza età, che appare più giovane e più ‘pieno’ a livello delle guance. A promuovere la ginnastica facciale, con il primo studio scientifico al mondo che ha testato la metodica, è nientemeno che la rivista ‘Jama Dermatology’.

“Ora ci sono le prove scientifiche che questa attività può ridurre alcuni segni visibili dell’invecchiamento”, assicura l’autore principale del lavoro, Murad Alam, professore di dermatologia della Northwestern University Feinberg School of Medicine. “Gli esercizi – assicura – allargano e rafforzano i muscoli del viso, che diventa più sodo, più tonico e dalla forma più giovanile. Un sistema poco costoso e non tossico per essere più belle”.

Con l’invecchiamento del viso, la pelle perde elasticità e i cuscinetti di grasso tra il muscolo e la pelle diventano più sottili. E sono proprio i depositi di grasso ‘buono’, che si incastrano come un puzzle, a conferire al viso la sua forma. Quando la pelle diventa cedevole, essi si assottigliano, si atrofizzano e scivolano, causando l’effetto ‘caduta’ del viso. “Ma se il muscolo sottostante aumenta di volume, la pelle ha più sostegno e può continuare a rendere la forma del viso più piena”, dice Emily Poon, ricercatrice universitaria in dermatologia.

Le partecipanti allo studio, donne di età compresa tra 40 e 65 anni, sono state sottoposte a due sessioni di allenamento di 90 minuti con un istruttore di esercizi facciali. A casa, hanno continuato a eseguire gli  esercizi appresi, per un totale di 20 settimane. Per le prime 8 settimane, hanno fatto gli esercizi ogni giorno per 30 minuti. Dalla nona alla 20esima settimana, hanno eseguito la ginnastica facciale a giorni alterni per 30 minuti a sessione.

In tutto si trattava di 32 movimenti diversi, ognuno di circa un minuto. Un esempio è il ‘Cheek Lifter’: si apre la bocca e si forma una O, si posiziona subito dopo il labbro superiore sopra i denti, si sorride per sollevare i muscoli delle guance e si ripete di nuovo. Un altro esercizio è ‘Happy Cheeks Sculpting’: si sorride senza mostrare i denti, si stringono le labbra insieme, si sorride forzando i muscoli della guancia, si mettono le dita sugli angoli della bocca, e facendole scorrere verso la parte alta delle guance, si tiene premuto per 20 secondi.

La principale misura di esito è stata la valutazione di fotografie prima e dopo l’esercitazione facciale: i dermatologi valutatori hanno esaminato separatamente 19 caratteristiche del volto, rilevando che la parte superiore e inferiore delle guance erano le aree con i miglioramenti più significativi. Inoltre, hanno stimato che l’età media delle pazienti valutabile dalle foto è scesa da 50,8 anni all’inizio dello studio a 49,6 anni a 8 settimane e a 48,1 anni a 20 settimane.

“Una riduzione di ben tre anni nell’età attribuibile alla donne”, fa notare Alam. Infine, le partecipanti hanno anche riferito di essere molto soddisfatte dei risultati e di aver notato miglioramenti su quasi tutte le aree del viso che sono state valutate.

(Fonte: Adnkronos)

Lascia un commento


× quattro = 36