Fine vita

Il biotestamento è legge dello Stato:
arriva il via libera del Senato

di oggisalute | 14 dicembre 2017 | pubblicato in Attualità
senato_adn21_1-0-374856158

Il Senato ha approvato la legge sul biotestamento. L’aula ha dato il via libera con 180 favorevoli, 71 contrari e 6 astenuti. Il testo, dunque,  già approvato alla Camera lo scorso 20 aprile, adesso diventa legge.

Il testo prevede che, nel rispetto della Costituzione, nessun trattamento sanitario possa essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata. Viene “promossa e valorizzata la relazione di cura e di fiducia tra paziente e medico il cui atto fondante è il consenso informato” e “nella relazione di cura sono coinvolti, se il paziente lo desidera, anche i suoi familiari”.

Ogni “persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di un’ eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può, attraverso “Disposizioni anticipate di trattamento” (Dat), esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche o terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, comprese le pratiche di nutrizione e idratazione artificiali”.

Per quanto riguarda i minori, invece, “il consenso è espresso dai genitori esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore o dall’amministratore di sostegno, tenuto conto della volontà della persona minore”.

Lascia un commento


8 × = otto