La piccola era affetta da una malattia incurabile

La storia di Hope: nata solo per donare
e morta dopo 74 minuti

di oggisalute | 7 dicembre 2015 | pubblicato in Attualità
neonati prematuri

Si chiama Hope ed è la più piccola donatrice di organi della Gran Bretagna. La neonata, affetta dalla nascita da una malattia incurabile, è morta dopo 74 minuti dalla nascita e i genitori hanno deciso di donare i suoi reni e le cellule del fegato.

Emma e Drew, i genitori della piccola, pur sapendo che la figlia sarebbe morta subito dopo essere nata, non hanno voluto abortire, perché consapevoli che il sacrificio sarebbe servito per salvare altre vite.

È stato il Daily Mirror a raccontare questa commovente storia. Drew e Emma, i genitori di Hope, hanno espresso il loro orgoglio per aver avuto una figlia così coraggiosa. Il loro gesto è stato ispirato dalla storia di Teddy, un bimbo morto dopo 100 minuti, anche lui donatore. “Prima che rimanessi incinta – racconta Emma – ho sentito la storia di Teddy e ho pensato che i genitori fossero stati molto coraggiosi. Quando abbiamo scoperto che Hope non sarebbe sopravvissuta, la storia di Teddy mi ha dato fiducia. Ora continua a vivere all’interno di qualcun altro. Questo pensiero aiuta ad alleviare il dolore”.

Lascia un commento


+ 8 = dodice