IL PARERE

di oggisalute | 28 marzo 2013 | pubblicato in Attualità,Prevenzione
Alessandra Graziottin

Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia medica, San Raffaele Resnati, Milano

Le donne insoddisfatte sessualmente prima di cambiare partner farebbero bene a controllare la propria glicemia?

“Il diabete può avere effetti negativi sia sulla sessualità del maschio, essendo causa frequente di disfunzione erettile, sia sulla base biologica della sessualità femminile. Lo studio che dimostra che la frequenza di disfunzione sessuale femminile è doppia nelle donne diabetiche è quindi una solida conferma di quanto si conosceva. In positivo, però, si evince che una diagnosi precoce e un buon controllo del diabete sono essenziali non solo per allungare l’aspettativa di salute in generale, ma anche, e specificamente, per proteggere e valorizzare la sessualità”.

Quanto è importante la componente biologica nella sessualità femminile?

“Diversamente da quanto si pensava sino a qualche decennio fa, anche nella donna la componente biologica è essenziale nella sessualità. Almeno tanto quanto nell’uomo: la salute fisica è una condizione necessaria, ancorché non sufficiente, per una vita sessuale soddisfacente. Nella donna questa base biologica è poi fortemente integrata dalla componente psicologica, mentale, affettiva e relazionale. Da questo punto di vista, il diabete ha un solido impatto sulla ‘biologia’ della funzione sessuale. L’entità della ripercussione dipende dall’età di comparsa del diabete, dalla sua durata, dalla gravità e dal grado di controllo della glicemia“.

Dunque, la parola d’ordine è prevenzione?

“Assolutamente sì. Innanzitutto, il diabete causa alterazioni metaboliche, con tendenza all’aumento di peso, e questo impatta sull’immagine corporea e l’autostima. Inoltre, maggiore è il sovrappeso associato al diabete, maggiore è la produzione di molecole infiammatorie, che causano non solo dolore, ma inondano letteralmente il cervello provocando un abbassamento dell’umore, fino alla depressione, la più potente nemica del desiderio sessuale e dell’eccitazione http://pharmacieinde.fr/viagra-vs-cialis“.

Quali altri problemi possono insorgere?

“Con l’aumentare della durata del diabete compaiono alterazioni microangiopatiche vascolari, che coinvolgono i piccoli vasi sanguigni, e neuropatiche, sulle terminazioni nervose, che influiscono sul grado di lubrificazione vaginale e sulla congestione sessuale genitale, prerequisiti essenziali per il raggiungimento del piacere e dell’orgasmo. Non solo. Esistono due complicanze specifiche del diabete nella donna: peggiore è il controllo glicemico, maggiore è la probabilità di avere vaginiti ricorrenti da candida, che causano infiammazioni spesso responsabili di dolore sessuale, la dispareunia, all’inizio del rapporto, e cistiti, soprattutto da Escherichia Coli, il cui rischio aumenta di tre volte rispetto alla popolazione non diabetica”.

Commenti

  1. Jelly scrive:

    Grazie mille per questa interessante intervista!

  2. filomena scrive:

    buona sera dott ressa
    ho 63 annida oltre 10 anni sono in menopausa
    con vampate sudorazioni spaventose mi
    provocano molti problemi e malessere generali
    che consigli mi da ?nella attesa di \una sua risposta
    cordiali saluti

Rispondi a Jelly

Protezione anti-spam *